Disordini Cranio Cervico Mandibolari

Gnatologia NeuroMuscolare

EZIOLOGIA DCCM

Sebbene per molti anni si sia pensato al ruolo esclusivo dell'articolazione temporo mandibolare tanto da identificare il nome della patologia come disordine temporo mandibolare TMD, ancora oggi utilizzato a livello internazionale, le attuali conoscenze hanno centrato il ruolo eziologico sul sistema neuromuscolare sollecitato sia dalla periferia per azione dell'occlusione dentale che da fenomeni di origine centrale.

L'origine dei DCCM è multifattoriale, come per altri disturbi muscolo scheletrici sono noti fattori intrinseci ed estrinseci all'apparato masticatorio. Letteralmente non si riconosce una causa univoca ma diversi fattori che sono considerati fattori di rischio capaci di generare la malattia in concorso tra loro. Metanalisi dei dati pubblicati in letteratura sui disturbi muscoli scheletrici dimostra che i fattori causali più significativi sono frutto di associazione tra fenomeni psicolagici e biomeccanici piuttosto che ogni singolo elemento di patologia. 

Tuttavia il solo modello patogentico psicosociale non permette di spiegare da solo perchè i bite dentali funzionino oltre il solo effetto placebo, la letteratura è sostanzialmente concorde all'utilizzo di questi dispositivi talvolta per uso primario talvolta associato ad altre terapie. Al contrario il modello biomeccanico generato dall'occlusione dentale non riesce a spiegare perchè segni e sintomi DCCM siano presenti in persone con apparato masticatorio perfettamente integro ed equilibrato.

Particolare attenzione in odontoiatria è posta agli stimoli provenienti dall'apparato stomatognatico che, per via trigeminale, influenzano significativamente il Sistema Nervoso Centrale innescando la disfunzione neuromuscolare che è alla base dei DCCM.


1. ABITUDINI DI VITA

  • Allattamento artificiale
  • Succhiamento del dito
  • Mordersi le labbra o unghie
  • Suonare strumenti musicali a fiato
  • Masticare gomme
  • Masticare cibo solo su un lato
  • Mordere penne o matite
  • Bruxismo dentale notturno e diurno


2. MALATTIE SISTEMICHE

  • Malattie Immunitarie (Artrite Reumatoride, poliartriti)
  • Malattie Endocrine (Tiroiditi)
  • Malattie neurogenetiche (fibromialgia)
  • Sindrome da apnea ostruttiva (OSA)
  • Distrofie muscolari
  • Miopatie tossiche da farmaci
  • Lupus ertematoso sistemico
  • Connettiviti sistemiche (Sindrome di Sjögren)
  • Spondiloartropatie (spondilite anchilosante)
  • Reumatologia generale (gotta, condrocalcinosi, malattia reumatica/reumatismo articolare acuto, momoartriti infiammatorie, fenomeno di Raynaud)

 3. MALOCCLUSIONE DENTALE

 4. DISORDINI POSTURALI


5. CONDIZIONI PSICOLOGICHE

  • Depressione
  • Stati ansiosi