Disordini Cranio Cervico Mandibolari

Gnatologia NeuroMuscolare


Interventi diretti di correzione permanente dell'occlusione NON sono mai raccomandabili ed espongono al rischio di comparsa di disestesia occlusale

Sono invece da valutare interventi restaurativi di protesizzazioni preesistenti ed esaurite già programmate per la sostituzione. In questi casi è raccomandabile mantenere prima una fase di correzione reversibile con bite ortotico neuromuscolare, costruito nella posizione di occlusione terapeutica con cui successivamente si vuole programmare il piano di cura protesico.

Si esegue quindi una ceratura diagnostica iniziale dalla quale ottenere una generazione di protesi provvisorie da mantenere in bocca per un tempo indefinito necessario alla rivalutazione clinica e strumentale del piano di trattamento.

Dopo alcuni mesi di collaudo si può procedere alla stabilizzazione definitiva con materiali ceramici costruiti a stampo di quelli provvisori.

Tutto deve essere seguito con follow-up clinici e strumentali con kinesiografia mandibolare e elettromiografia nei mesi e anni successivi.

Il successo clinico deve ritenersi indicato per pazienti con necessità protesica e non è mai raccomandabile per correzione permanente di denti sani per il cui trattamento è invece indicata l'ortodonzia.

FASE INIZIALE


Stato iniziale con richiesta di ricostruzione occlusale dei denti frontali e laterali della sola arcata inferiore. Arcata superiore a migliore stato di conservazione

FASE REVERSIBILE CON ORTOTICO


Fase obbligatoria intermedia con bite ortotico di ripristino della dimensione verticale desiderata e necessario collaudo clinico

RICOSTRUZIONE FINALE


Fase finale con ricostruzione completa dell'arcata inferiore con tecnica mista conservativa e protesica.

TUTTE LE FASI DELLA RICOSTRUZIONE CUSPIDALE DEI DENTI CON TECNICA NEUROMUSCOLARE