Gnatologia NeuroMuscolare

Domanda: le sottopongo il mio caso irrisolto da 9 mesi. a ottobre 2013 avverto un forte dolore al collo ( come una sorta di mal di gola ma esterno ). effettuata ecografia da cui si riscontra linfonodo sottomandibolare dx ingrossato.Da li cominica un calvario senza fine.La tensione al collo si estende alla mandibola portandomi dolore anche a entrambe le orecchie e sotto il mento.il dolore è di tipo sordo.non ho mai fitte ma un dolore e una tensione costante.eseguo tra dicembre 2013 e febbraio 2014 altre 3 ecografie. ai tronchi sovraortici,alla tiroide e alle ghiandole salivari.Nessun riscontro significativo se non la presenza di linfonodi ingrossati di aspetto reattivo da ambo i lati in sede sottomandibolare e laterocervicale.Vengo sottoposta a diversi esami del sangue( richiesti da un immunologo ) per escludere eventuali infezioni e quant’altro.tutti gli esami risultano essere nella norma.Nel frattempo il dolore si estende ai denti.Mi reco dal mio dentista di fiducia che mi fa visitare da un gnatologo,il quale fa mettere il bite,  spiegandomi che il dolore puo essere dato dal serramento dei denti ( sono consapevole di serrarli spessissimo ). Pertanto metto il bite a marzo in attesa di qualche beneficio.Nel mese di maggio i sintomi peggiorano e il collo è completamente intesito.il mento fa molto male tanto anche solo sfiorandolo con le dita.Torno dal dentista,mi esegue la panoramica e conferma che i denti sono tutti sani e mi invita a pazientare in attesa che il bite dia i suoi benefici.A giugno presa dallo sconforto vado a farmi visitare da un ottorino il quale dopo un esame e una visita approfondita non riscontra nulla se non i linfonodi ingrossati.Mi invita a eseguire una RM al collo.l’esito della risonanza dice: “”presenza di linfonodi con diametri maggiori fino a 20x10mm localizzati a 1° 2° e 3° livello da ambo i lati.Ipertrofia tonsillare linguale bilaterale.in regione occipitale sx alterazione nodulare 7mm a segnale misto in parte adiposo compatibile con linfolipoma.”” ( sono in attesa di eseguire ago aspirato sui linfonodi ). Nel frattempo il dolore! alla ma ndibola aumenta e si concentra sempre di piu sulla parte “terminale” dell’osso,quasi all’angolo vicino al lobo dell’orecchio.Le orecchie sono spesso tappate e mento e collo sempre piu in tensione.Avendo unernia tra c5/c6 e due protusioni discali con impronta su sacco durale tra c3/c4 e c6/c7, decido di farmi vedere da un ortopedico,pensando che i miei problemi al collo e alla mandibola siano causati dalla cervicale.L ortopedico dopo un esame molto approfondito mi dice che la tensione piu rilevante alla digitopressione,la riscontra all’altezza di C1; pertanto a parer suo il problema è dato da un disordine cranio cervico mandibolare.Lecitamente sfiduciata,passati ormai 9 mesi,Prima di rivolgermi all’ennesimo specialista,per l’ennesima visita da cui non ne caverò nulla,decido di cercare informazioni su internet.Ho deciso di scriverle perchè mi sembra di aver capito che questi tipo di disturbo si manifesta con scarsa o difficoltosa apertura della bocca,click o rumori strani al l apertura.difficoltà a mangiare,difficoltà a deglutire e quant’altro.Io non ne ho nemmeno uno di questi sintomi.Anzi quando deglutisco mi si allevia il dolore idem quando mangio.Non sento nessun rumore aprendo o chiudendo la bocca, e la mia apertura è ampia.Non ho dolore alle tempie ne mal di testa.L’unica cosa che mi fa aumentare il dolore è parlare a lungo.Piu parlo piu sento tensione al collo piu mi fa male il mento,piu mi si tappano le orecchi e mi fa malissimo l angolo della mandibola.Sono stata qualche giorno fa all istituto stomatologico di Milano ( città in cui vivo). Mi hanno confermato il disturbo nonostante i miei sintomi contrastanti,ma sono stata visita in modo molto sbrigativo.Quindi ora ho dei grossi dubbi.E’ realmente possibile che questo continuo dolore sia dato dall ATM? porto il bite da 3 mesi ma non ho alcun giovamento.NB ho provato massaggi da osteopati senza giovamento,ogni tanto il dolore mi arriva fino alle clavicole.Ormai sono 9 mesi che ho una sorta di “torcicollo ” ma davanti! ( so che non è un termi!  ne corretto ma è l unico modo che ho per rendere l’idea ). Spero fortemente che possa essermi d’aiuto dando un senso ai miei dubbi.

Risposta:  il territorio del dolore è quello che comunemente viene riferito per gli stati di tensione dei muscoli pterigoidei interni ed esterni. Tale tensione muscolare è molto spesso associata a disfunzione dei muscoli cervicali con un meccanismo di reciprocità. Ciò signofica che è possibile sia che il disturbo origini in conseguenza della colonna cervicale ma anche in seguito ad anomala posizione della mandibola (anomalia evidentemente preesistente in forma asintomatica fino a quel momento). Purtroppo esistono forme di tensione muscolare originate anche da fenomeni parafunzionali quali il serramento dentale e fenomeni emotivi tutti in grado di concorrere al risultato. Il primo passo è verificare l’origine ipotizzata dei muscoli pterigoidei con palpazione interna della mandibola e ricercare eventuali segni di parafunzione o anomalia di posizione della mandibola. In base ai risultati clinici si possono eseguire esami TC del cranio ed esami dei muscoli mandibolari dedicati a specificare l’origine del problema tra le ipotesi sopracitate Saluti Dott. Andrea Gizdulich


Domanda: E’ da un anno che tutte le volte quando mi corico comincio ad avere piccoli ma continui scatti alla mandibola e di conseguenza sbattito dei denti. Questo mi capita specialmente se mi corico di lato. Durante il giorno questo fenomeno cessa.Premetto che durante il giorno mi ritrovo spesso con i denti serrati. Vorrei capire perche’quando mi corico ho questo fastidioso battito dei denti. Spero che possiate aiutarmi.
Ringrazio anticipatamente

Risposta:  mentre il serramento dentale è un fenomeno frequentissimo e in grande ascesa ultimamente perché influenzato dallo stress personale a cui oggi nessun è veramente escluso, il fenomeno degli scatti mandibolari involontari è inusuale e non necessariamente accostabile al primo. Potrebbe trattarsi di un particolare tipo di tic nervoso benigno ma fastidioso. In assenza di una diagnosi precisa che forse è di tipo neurologico più che odontoiatrico è possibile controllare gli effetti del serramento per prevenire il danno ai denti. Saluti Dott. Andrea Gizdulich


Domanda: da un anno a questa parte ho avuto fenomeni di offuscamento alla vista con mal di testa al termine della crisi.ora ho anche un senso di pesantezza o di tensione muscolare alla nuca,con dei piccoli scricchiolii al movimento sia destro che sinistro del collo e molto sensibile al sole e correnti d’aria.fatta Risonanza M e visita neurologica, riscontrata cefalea con aura,farmaco LEXOTAN CUI IO PRENDO SOLO AL BISOGNO. VORREI GENTILMENTE UN SUO PARERE

Risposta:  le cefalee di tipo emicranico sono da distinguersi da quelle tensive anche se in alcuni casi posso coesistere. La presenza di aura in particolare è un segno di esclusione per la cefalea tensiva pura. Se desidera può ricercare altri segni di sofferenza muscolare tensiva associabile a disfunzione mandibolare per verificare che vi sia una forma di cefalea mista migliorabile ulteriormente con terapia ortopedica della mandibola ma più probabilmente è da aspettarsi un aiuto parziale al problema. Saluti Dott. Andrea Gizdulich

Domanda: circa 20 anni fa in seguito ad una caduta riportai la frattura del condilo mandibolare destro a cui si cercò di ovviare con un bite.Ora a distanza di anni ho problemi di scoliosi.L’ortopedico mi ha consigliato una consulenza specialistica anche per il condilo ma a chi devo rivolgermi :maxillo facciale o gnatologo? Attendo vostra risposta e sin d’ora ringrazio di cuore

Risposta:  ormai dopo anni la frattura è consolidata e il chirurgo se doveva intervenire avrebbe dovuto farlo allora…. meglio lo gnatologo. esami rx per verificare la posizione del condilo Saluti Dott. Andrea Gizdulich

CONTINUA.. 


CENTRO GNATOLOGICO
CONSULENZA
CLINICHE SST
TMD CARE | TEST ONLINE
Facebook