Gnatologia NeuroMuscolare

Domanda: E’ circa un mese e mezzo che sento all’interno dell’orecchio destro uno sfarfallamento continuo, quasi per tutto il giorno, stando in piedi; non lo sento seduta e dormendo. Credevo che fosse dovuto a colpi d’aria fredda presi dal finestrino dall’auto. Una settimana fa mi faccio fare tutti gli esami da un bravissimo otorinolaringoiatra. Controlla l’orecchio e mi fa fare tutti gli esami del caso. Tutto ok, non c’è ha assolutamente nulla. Perfetto! Mi ha detto che potrebbe dipendere dalla mandibola o dalla cervicale di cui soffro da parecchio ma che non curo. Ho notato che stando in piedi l’acufene nell’Orecc. Destro c’è, chiudo l’occhio destro e passa. Che strano! Riapro l’occhio e ricomincia. Se sbarro l’occhio destro è come se un nervo “stirato” mi tirasse qualcosa fino al trago dell’orecchio e parte l’acufene. Avvero una leggera tensione nella zona mandibolare destra, ma non ho dolori…Infine sono una persona serena, non ho stress o nervosismi, non fumo, normopeso, dona
 trice di sangue, sana, non prendo farmaci, denti dritti, tutti sani, non ho ponti. L’unico tallone d’Achille le correnti d’aria o l’aria condizionata: appena le prendo sono dolori: nevralgia all’occhio ed emicranie per tre giorni. Ma questo disturbo non l’avevo mai avuto in vita mia. Non è che il freddo mi ha “paralizzato” qualche nervo facciale e da qui l’acufene? Non so neanche a quale medico rivolgermi. Grazie per i consigli e buon lavoro


Risposta:  mi scuso del ritardo….. potrebbe essere coinvolto il nervo auricolo temporale che si collega al nervo faciale proprio davanti al trago per innervare la regione temporale sia per sensibilità che per motricità. é possibile che l’attivazione motoria dell’occhio riesca a stimolare la parte posteriore dell’Articolazione temporo mandibolare notoriamente coinvolta in questi sintomi. Saluti Dott. Andrea Gizdulich


Domanda: E’ circa un mese e mezzo che sento all’interno dell’orecchio destro uno sfarfallamento continuo, quasi per tutto il giorno, stando in piedi; non lo sento seduta e dormendo. Credevo che fosse dovuto a colpi d’aria fredda presi dal finestrino dall’auto. Una settimana fa mi faccio fare tutti gli esami da un bravissimo otorinolaringoiatra. Controlla l’orecchio e mi fa fare tutti gli esami del caso. Tutto ok, non c’è ha assolutamente nulla. Perfetto! Mi ha detto che potrebbe dipendere dalla mandibola o dalla cervicale di cui soffro da parecchio ma che non curo. Ho notato che stando in piedi l’acufene nell’Orecc. Destro c’è, chiudo l’occhio destro e passa. Che strano! Riapro l’occhio e ricomincia. Se sbarro l’occhio destro è come se un nervo “stirato” mi tirasse qualcosa fino al trago dell’orecchio e parte l’acufene. Avvero una leggera tensione nella zona mandibolare destra, ma non ho dolori…Infine sono una persona serena, non ho stress o nervosismi, non fumo, normopeso, donatrice di sangue, sana, non prendo farmaci, denti dritti, tutti sani, non ho ponti. L’unico tallone d’Achille le correnti d’aria o l’aria condizionata: appena le prendo sono dolori: nevralgia all’occhio ed emicranie per tre giorni. Ma questo disturbo non l’avevo mai avuto in vita mia. Non è che il freddo mi ha “paralizzato” qualche nervo facciale e da qui l’acufene? Non so neanche a quale medico rivolgermi. Grazie per i consigli e buon lavoro


Risposta:  mi scuso del ritardo….. potrebbe essere coinvolto il nervo auricolo temporale che si collega al nervo faciale proprio davanti al trago per innervare la regione temporale sia per sensibilità che per motricità. é possibile che l’attivazione motoria dell’occhio riesca a stimolare la parte posteriore dell’Articolazione temporo mandibolare notoriamente coinvolta in questi sintomi. Saluti Dott. Andrea Gizdulich


Domanda: salve..la mia situazione e molto complicata…sono una ragazza di 25 anni ,soffro anche di una lieve scoliosi ,mi hanno diagnosticato la fibromialgia quasi un anno fa…ma io rimango comunque convinta che il mio problema piu grande sta nella mia bocca..ho un affollamento dentale sin da piccola mai curata,ho avuto tante carie ,4 anni fa mi sono stati estratti 2 premolari inferiori a sinistrae mai piu rimessi,a destra mi sono state messe due corone a mio dire troppo grandi rispetto ai miei denti naturali..mastico solo da un lato queelo destro…ho messo anche un bite da un anno ma non è un bite fatto da uno gnatologo..sempre l anno scorso dopo tante visite mi consigliano di mettere l apparecchio ortodontico invisibile..l ho messo e fin dai primi giorni mi sentivo i miei soliti sintomi,,collo rigido,disequilibrio,vertigini soggettive tutti i giorni,occhio sinistro come se fosse infiammato e muscolo orecchio sinistro come se fosse molto rigido,ho cominciato a sentire come delle vibrazioni all occhio sinistro,dolore cervicale,fatica a deglutire,testa milto pesante orecchie ovattate..ora l ho tolto da quasi 2 settimane ma continuo a stare male ora miha preso anche tutta la parte destra dalla testa al braccio sembra come se cifosse il fuoco..ho anche i denti del giudizio che sono quasi tutti spuntati e uno destra è storto.sono disperata..ho paura di non poter guarire.grazie mille


Risposta:  mi scuso del ritardo…. devo dire che la sola l’estrazione dei premolari è una condizione fortemente predisponente ai sintomi che ha elencato. Per far luce in questa confusione di idee consiglio di eseguire esami funzionali della mandibola. Kinesigrafia ed elettromiografia sono utilizzati insieme alla stimolazione TENS per verificare il grado di sbilanciamento muscolare e determinare la correzione ideale della mandibolare e i sui effetti sui muscoli lesi. In questo modo è possibile stabilire prima le possibilità terapeutiche prima ancora di eseguire alcun trattamento. Saluti Dott. Andrea Gizdulich



Domanda: Sofro dall 2011 di dolori al orecchio e sopra tutto vertigini dolori a la mandibola e ho fatto tutti le esami e solo emerge problemi di cervicale ho provato bite sensa soluzione lei mi potrebbe aiutare

Risposta:  In effetti c’è una associazione nota e frequente di sofferenza cervicale e dei muscoli pterigoidei interni alla mandibola che genera otalgia riflessa. il bite è utile nei casi di sofferenza originata dallo squilibrio dei muscoli masticatori che innesca la dinamica a catena mentre è meno utile nei casi di sofferenza cervicale primaria. un esame emg della mandibola oltre alla ricerca di segni clinici è solitamente sufficiente a distinguere e verificare il meccanismo ipotizzato Saluti Dott. Andrea Gizdulich



CONTINUA.. 


CENTRO GNATOLOGICO
CONSULENZA
CLINICHE SST
TMD CARE | TEST ONLINE
Facebook