Gnatologia NeuroMuscolare

L’osteopatia, entro certi margini, può aiutare a minimizzare le conseguenze di una cattiva occlusione, anche quando non vi sia intervento ortodontico. Tuttavia fin a quando vi sia una reale mal occlusione, le correzioni osteopatiche non possono durare a lungo ed i problemi (schiena, muscoli, articolazioni, tendini) ritornano. Quindi, una stretta collaborazione tra dentista e osteopata è necessaria per superare un problema (dolori di schiena o mal di testa muscolo tensivi, etc.) la cui origine risiede in una cattiva occlusione.

La rieducazione fisioterapica si avvale di particolari trattamenti:

  • Drenaggio linfatico manuale. Conosciuto come linfodrenaggio, è un trattamento che ha importante applicazione quando esistono gonfiori al viso determinati per esempio dal ristagno di tipo linfatico dovuto a parafunzioni come il digrignamento.
  • Massoterapia decontratturante. Terapia manuale che, attraverso varie tecniche di massaggio, risolve contratture della muscolatura masticatoria mimica e cervicale e disattiva eventuali zone grilletto o trigger points, che sono particolari disturbi della muscolatura che danno origine al dolore.
  • Esercizi e tecniche di recupero funzionale. Sono esercizi finalizzati al recupero della funzione masticatoria. Vengono eseguiti sotto attento e diretto controllo dello specialista: il paziente impara successivamente a mantenere i risultati raggiunti attraverso esercizi eseguiti a casa autonomamente.
  • Rieducazione posturale. Sono esercizi di correzione posturale che, associati a una corretta ginnastica respiratoria, accompagnano la rieducazione fisioterapica dell’A.T.M. qualora sia presente un’errata postura.

Sono numerosi gli esercizi proposti per rieducare e rilassare la muscolatura. Di seguito sono descritti quelli più accreditati che non richiedono un operatore esterno:

  1. Esercizi di masticazione con supporti programmati sono una palestra per i muscoli mandibolari indeboliti. 5 minuti di esercizi sono indicati per riequilibrare asimmetrie di lavoro muscolari.
  2. Esercizio di spostamenti laterali della mandibola usando come supporto un tappo di sughero interposto tra gli incisivi.
  3. Esercizi con molla TMD Relief per rilassare la muscolatura pterigoidea

STRETCH MUSCOLARE PASSIVO DEI PUNTI TRIGGER

La tecnica di spray & stretch consiste nel raffreddare con ghiaccio il muscolo colpito da punti trigger e allungarlo passivamente fino a ottenere la distensione della banderella muscolare tesa. 

La sequenza terapeutica di stretch del muscolo colpito da punti trigger attivi è:

  1. Applicazione 5” di ghiaccio spray a bassa temperatura di refrigerazione secondo il maggior asse del muscolo come indicato in figura.
  2. Allungamento passivo del muscolo interessato fino alla massima distensione non dolorosa.
  3. Applicazione 5” di ghiaccio
  4. Allungamento muscolare passivo non doloroso
  5. Impacco caldo umido fino alla rivascolarizzazione cutanea

ESERCIZIO MANDIBOLARE DI RILASSAMENTO MUSCOLARE – TMD RELIEF


Sequenze ripetute per alcuni minuti con dispositivo TMD Relief di apertura e chiusura lungo tutto il percorso di movimento abituale confortevole permettono in assetto di carico costante di raggiungere un elevato grado di rilassamento con il minimo impegno e costo. Sono trattabili in questo modo progressivo nell’arco di alcubne settimane srtati dolorosi e di contrattura oltre che sintomi associati ai DCCM come acufeni cefaleee e vertigini.

CENTRO GNATOLOGICO
CONSULENZA
CLINICHE SST
TMD TEST ONLINE
AIKECM


ICCMO


PARADENTI SPORTIVI