Gnatologia NeuroMuscolare

Domanda: dopo aver effettuato rx all atm con risposta di alterazione strutturale del condilo mandibolare di destra ma senza evidenti immaggini di lesioni ossee di natura traumatica e portando il byte da 4 mesi in quanto era stata diagnosticata la sindrome di costeh ora sono 20 giorni che accuso elevati dolori alle masscelle dietro la nuca e l’acufene è peggiorato. Al pronto soccorso come cura punture di muscoril e toradol e flexyban compresse.Io dottore vorrei un consiglio se una soluzione anche chirurgica è possibile per guarire da questa sindrome o oltre al byte c’è qualcosa da fare.Grazie per una sua risposta

Risposta:  la presenza di dolore intenso al punto da ricorrere al pronto soccorso mi fa sempre sospettare un problema non esclusivamente mandibolare…. Tuttavia senza disperare penso che potrebbe esserci una situazione di patologia articolare organizzata non facilmente superabile dal bite o anche che il bite non sia soddisfacente al suo caso e da rivedere. gli esami mandibolari (kinesiografia ed elettromiografia) servono appunto a identificare meglio questi problemi per correggerli per quanto possibile e non accanirsi sull’uso del bite e identificare fattori non mandibolari, ossia fare diagnosi differenziale. Saluti Dott. Andrea Gizdulich

Domanda: Salve,sono una ragazza di 33 anni che da piu’ di un anno soffre di cervicalgia e vertigini tali da inficiare la quotidianita’. Sono in cura con uno gnatologo il quale sulla base di diversi esami ha riscontrato una malocclusione di || Grado e un disturbo della deglutizione.. Da circa 8 mesi utilizzo h24 una placca biodinamica funzionale di riposizionamento ma con scarsi risultati soggettivi rispetto a quelli oggettivi. l’instabilita posturale e il dolore cronico cervicale persistono. lo gnatologo mi ha suggerito.di intraprendere la trigger therapy che iniziero’ a settembre. Sono molto confusa e scoraggiata…ATTENDO UN VOSTRO PARERE

Risposta:  purtroppo non conosco la terapia che dovrebbe aver iniziato e non posso dire molto sul perchè la placca non ha funzionato come sperato. Posso dire che se riuscisse ad inviarmi gli esami posso interpretarli per lei per suggerire una soluzione. In generale posso sospettare che la seconda classe non sia correggibile completamente… questa è una evenienza frequente soprattutto se associata ad inclinazione interna di alcuni degli elementi frontali superiori…… Saluti Dott. Andrea Gizdulich

Domanda: Gentile dottore, sono una ragazza di 24 anni, ho dei problemi ai denti. Mi spiego: la parte destra della bocca mi tira, nella zona finale dell’arcata superiore.. non chiudo bene la bocca, insomma.mi sembra inoltre che i contatti dei denti posteriori cambino. cercando su internet ho capito che la posizione dei denti influenza la postura, quindi aggiungo che ho leggermente la spalla sinistra piu alta della destra, mi fanno click le caviglie, ho un agenesia nell’arcata inferiore,l’arcata superiore è leggermente piu avanti di quella inferiore, e poi non so che altro dire. sono stata da vari dentisti che mi hanno consigliato varie terapie: uno mi ha detto di mettere un bite, un altro di mettere apparecchio mobile su entrambe le arcate perchè nell’arcata inferiore ho i denti un pò storti. non so che fare…a chi dovrei rivolgermi? non so quale terapia intraprendere. grazie per la risposta.

Risposta:  in genere sintomi come quello descritto di dolore associato a perdita di contatto occlusale è causato da uno spasmo muscolare del muscolo pterigoideo che viene stirato durante il serramento dentale e in deglutizione. Serve prima di intervenire una conferma diagnostica di questa ipotesi per trovare una terapia mirata al problema meglio reversibile prima che ortodontica. L’ortodonzia diviene utile come terapia successiva di correzione del fattore occlusale scatenante ma di poreferenza si interviene a sintomatologia mitigata. Saluti Dott. Andrea Gizdulich

 CONTINUA.. 


CENTRO GNATOLOGICO
CONSULENZA
CLINICHE SST
TMD CARE | TEST ONLINE
Facebook